Antique Radio Magazine

Antique Radio Magazine Con una grafica in stile liberty perfettamente in linea con i contenuti, Antique Radio Magazine, la rivista bimestrale di radio d’epoca edita con il patrocinio della Fondazione Guglielmo Marconi, ha pubblicato nel numero 64 (dicembre 2004 – gennaio 2005), sotto il titolo La radio nei campi di concentramento, una raccolta di articoli che riproporremo separatamente per poter dare a ciascun ricevitore la giusta collocazione.

Gli articoli sono preceduti da una breve introduzione a firma di Val, curatore della sezione SURPLUS MILITARE nella quale sono stati riproposti. Alcuni erano già noti, seppure con titoli differenti, mentre l’articolo sulla radio nella gavetta era nella memoria dei più anziani appassionati di radio e grazie anche alle fonti bibliografiche citate da Antique Radio Magazine è stato possibile avere i dettagli sull’autore. Del tutto sconosciuta fino ad oggi la storia della radio di Coltano.

Riportiamo l’introduzione e l’elenco degli articoli, con i link alle corrispondenti pagine del sito.

 

Durante la seconda Guerra Mondiale, in trincea e nei campi di prigionia, ci furono esigenze e possibilità diverse che portarono alla costruzione di ricevitori di fortuna.

Soprattutto durante la prigionia, i tentativi di realizzare dei ricevitori in condizioni impensabili furono innumerevoli. Nascevano così delle radio che consentivano ai prigionieri qualche forma di collegamento con il mondo esterno.

Di seguito riportiamo alcuni tra i più noti esempi.

 

Pubblicato il 04/11/2007 – Ultimo aggiornamento: 04/11/2007

Print Friendly